Turismo e ospitalità... Italia Liguria, che fare nel futuro? - Riccardo Grassi

Turismo e ospitalità… Italia Liguria, che fare nel futuro?

Oggi leggo sul secolo XIX un articolo dal titolo altisonante “Albergatori contro Booking e Trivago: ladri di commissioni e di tasse“. In sostanza gli albergatori di Savona si lamentano delle commissioni e del fatto che booking o chi per lui, paga le tasse all’estero.

Come uscire dal meccanismo delle OTA? come dare scacco matto a booking? Adesso vediamo come un albergo potrebbe sopravvivere senza le OTA, Come? Ve lo Spiego Più Avanti…

Riccardo_grassi_travel_BookingMah! chi ha iscritto gli hotel su booking, expedia etc.? direi gli stessi albergatori, che sapevano benissimo quali erano le condizioni per restare sulla piattaforma delle OTA (Online Travel Agency), quindi sapevano che avrebbero garantito un 20% (a me risulta il 20% e non il 25%, mi sto informando) all’OTA per ogni prenotazione e altresì sapevano  bene che dovevano garantire la miglior tariffa, ergo non possono fare prezzi più bassi di quelli dichiarati a booking, expedia etc. inoltre quando ti iscrivi a qualcosa su internet, nella maggior parte delle volte, sai che sono aziende non Italiane, quindi perchè tutta questa meraviglia?

Io credo che se si sono iscritti un motivo c’è stato, e credo che lo abbiano fatto per ottenere un vantaggio competitivo. Ma perchè lo hanno fatto? che rischi si corrono adesso?

Il motivo per cui esistono le OTA è semplice, vanno a percentuale, non c’è bisogno di investimento iniziale e funzionano sul venduto. Tutti gli investimenti marketing, di sistemi di booking, di gestione della comunicazione sono delegati all’OTA stessa.

Quindi desumiamo che un albergatore preferisca dare il 20% a booking e non rischiare nulla piuttosto che investire sul suo brand, che ha un costo fisso e iniziale e un ritorno incerto, quindi fa piuttosto comodo.

In questo modo non c’è nessuna necessità di inventarsi cose nuove o rinnovare i servizi offerti, piuttosto si stringe sul prezzo e valore vetrina offerto da booking farà il resto, quindi c’è pigrizia?

Direi di si…

Del resto c’è anche chi teorizzava l’effetto Billboard (Cornell University), cioè che l’essere nella vetrina di un’OTA forte portava grandi vantaggi in termini di prenotazione dirette, evidentemente questo non sembra essere vero… anzi se tutti gli albergatori si in…arrabbiano!

Infatti già nel 2011 Max Starkov, diceva che questo effetto…era in qualche modo “indotto” da expedia stesso, partner della Cornell! 

Quindi? Quindi sarebbe importante capire da parte dell’ospitalità come affrontare il tema in modo organizzato e sensato.

A mio avviso, se uno legge l’articolo de Il secolo XIX, si legge che bisogna puntare su altri modi di fare turismo e nel finalese hanno puntato sull’outdoor, bike, etc. ma che “è necessario unire le forze e creare sinergie tra coloro che operano nell’outdoor”…bene! poi una genialata per battere le OTA, si crea il portale visitfinaleligure!

Diciamo che manca un po’ di visione globale, diciamo che ci vorrebbe una regia, chi fa il destination manager? Dovremmo capire che senza investimenti in strutture, infrastrutture, ricettività, gestione dei flussi, valorizzazione del tessuto economico, non si va lontano con i miniportali. Poi spero che visitfinaleligure, cambi le sorti dell’incoming di Finale, anche se mi limito a osservare che forse oltre al tedesco, servirebbe una traduzione in inglese, solo per il bacino di utenza che la lingua ha.
Riccardo_grassi_hotel2020Quindi come si battono le OTA? secondo me non si devono battere, perchè nel 2020 avremo un mondo di persone che vogliono gestire diversamente da ora le loro vacanze e quindi le OTA forse spariranno, ma non a favore della prenotazione diretta, in forme che ancora non conosciamo.

Quindi il terreno su cui battersi è il prodotto, i servizi, la gestione della relazione, l’applicazione di marketing one to one e CRM, nelle sue forme social e mobile e non fare la guerra alle OTA con legislazione inutile e spesso dannosa.

Tornerò presto sul tema delle Online Travel Agency e sui concorrenti “sleali” dell’ospitalità.

A presto

 

 

 

 

 

Articoli correlati

Ma io faccio qualcosa per il turismo ligure?

A volte mi scopro a criticare molto chi governa il turismo ligure e genovese… e devo dire che anche l’ultimo convegno a cui sono stato:  “Genova accoglie la ricchezza che viene dal mare: come incrementare e valorizzare l’attrattività della città e i flussi turistici” a palazzo Tursi, è stato dal mio punto di vista estremamente deludente […]

Learn More
Lusso in Italia turismo web marketing turistico

Italia? Deve diventare il produttore di lusso del mondo!

Come può l’Italia tornare a essere competitiva? Come può Genova diventare ancora attrattiva? Diventare produttori di sogni, dell’Italian Style ed esportatori del bello e lusso nel mondo. Diventare un grande produttore culturale conservando il passato e riproponendolo, diventando la nazione del lusso, se vogliamo dell’effimero e dell’impossibile. Partendo dalla nostra agricoltura che deve diventare “di lusso”, […]

Learn More

il Turismo deve ripartire dalle piccole cose!

Oggi parlo di un articolo tratto dal Blog “Tutto Sbagliato Tutto da Rifare”: il Turismo deve ripartire dalle piccole cose! al quale rubo anche il titolo! … come non essere d’accordo con Luciano Ardoino… In effetti il così detto decoro urbano è uno dei primi elementi per rendere un territorio appetibile per chi lo vive (o […]

Learn More

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *