Guida definitiva per creare un sito web per hotel alberghi e B&B che funziona: ecco perchè ti cambierà la vita

Guida definitiva per creare un sito web per hotel alberghi e B&B che funziona: ecco perchè ti cambierà la vita

Hotel-BB-ALBERGHI-SITOWEB_CHE_FUNZIONA-cambia-vita_2

Se hai un Albergo, un Hotel, un B&B, una struttura ricettiva o ne vuoi aprirne una…

Leggi questo post e imparerai a creare un sito web per hotel, alberghi e B&B che cambierà la tua vita!

 

Dopo il post in cui vediamo le strategie per evitare di essere strozzati da Booking.com o expedia

affrontiamo un argomento particolarmente importante, direi fondamentale: il sito web del tuo albergo, B&B o altra struttura ricettiva.

 

Innanzi tutto perché creare un sito web?

Tutti dicono che il web è il futuro, che sta avvenendo una rivoluzione, che il vero business sarà on-line… ma in Italia solo il 60% delle aziende italiane con più di 10 addetti ha un sito internet!!!

Tu lo hai un sito web?

Ma in realtà la domanda importante è:

il sito del tuo albergo o bed and breakfast web funziona?

  • Il sito del tuo albergo ti porta nuovi clienti?
  • il sito web che hai realizzato ti fa aumentare il fatturato?

 

Forse se stai leggendo questa guida non sei proprio soddisfatto dei risultati raggiunti dal tuo sito web, forse:

  • sei costretto a mettere una stanza a 25 euro su booking
  • hai sempre le stanze vuote
  • hai spesso buchi durante le stagioni migliori

 

Ti posso garantire che non sei solo!!! Per migliorare le tue performance, per migliorare il fatturato e le revenue ti consiglio di leggere attentamente questa guida ed eventualmente affidati a un consulente web marketing specializzato in Turismo… chi? beh io!

 

Ma perché così poche aziende hanno un sito web e quasi nessuna ha un sito web che funziona?

Uno dei motivi principali per cui in molti hanno siti web che non funzionano è la carenza di formazione nell’ambito informatico, del web e della comunicazione!

Vorresti dire che tutti gli imprenditori dovrebbero essere in grado di costruirsi un sito web che funzioni veramente? Magari da soli?

Perché no? Questa guida vuole portarti molto vicino a farlo… o almeno ti fornirà gli strumenti per guidare un consulente web marketing turistico come me, senza farti turlupinare!

 

E in tutti i casi attraverso questa guida arriverai ad un grado di consapevolezza dell’uso del web molto elevato!

In questo articolo ci sforzeremo di capire come creare un sito web per hotel che funzioni veramente!

Comprenderemo come funziona internet e cosa è necessario avere per fare un sito che porta utili al tuo hotel o B&B!

Certo da lì ad avere tutte le competenze per creare un sito che funzioni e che produca clienti, tutto da solo, il passo potrebbe essere lungo, ma avere tutti gli strumenti per capire è importantissimo!

Se leggerai la mia guida fino in fondo, potrai capire le dinamiche del web e potrai capire se un sito web ha tutte le carte in regola per essere un sito che funziona veramente e può così produrre “utili”!

 

In questo modo, potrai costruirlo autonomamente oppure, farlo costruire da un esperto, ma in questo caso avendo le cognizioni per dare ai professionisti tutte le indicazioni corrette.

 

Ci sono fior fiore di professionisti (tra cui io ovviamente :)))))  e aziende di marketing capaci di costruire un sito.

Ma dopo aver letto la mia guida, potrai essere tu al timone e guidare queste aziende nel crearti un sito vincente:

  • Un sito web che porta nuovi clienti
  • Un sito web che produce valore (cioè soldi!)
  • Non solo un sito che costa dei soldi! Un sito web che crea utili!

 

Mi è piaciuta questa frase: Cliente: “voglio un sito web… quanto costa?” questa è la classica domanda… e la domanda che facciamo noi è “Quanto vale?”.

 

Se vuoi davvero creare un sito web per il tuo hotel o Bed and Breakfast che funzioni veramente, non devi badare solo al costo, che potrebbe essere bassissimo o addirittura nullo se lo crei tu:

Devi capire se il sito del tuo albergo produce utili, cioè se il sito web ti permette di guadagnare di più, rispetto ai costi che sostieni per crearlo e gestirlo.

 

Adesso abbiamo capito che avere un sito web è fondamentale per il tuo albergo o bed and breakfast, perché il business si sta spostando sempre di più su internet.

Abbiamo capito che molte imprese, anche nel turismo, non sfruttano appieno questo potenziale per una carenza di “cultura” in ambito marketing e comunicazione.

Carenza di cultura che andiamo a colmare subito dopo aver messo l’accento sul fatto che i benefici economici portati dal tuo sito devono essere maggiori dei costi sostenuti.

Ma ora sotto con la formazione, ti voglio super-concentrato!

Allora per dare visibilità al tuo albergo vediamo come creare un sito web per hotel!

Prima di tutto chiediamoci cosa vuol dire “un sito web che funzionise hai un albergo, una struttura ricettiva, un B&B un Hotel o altro!

 

Per una parte lo abbiamo già detto, cioè abbiamo già detto cosa deve accadere: il sito web che funziona deve portarti più soldi di quanto ne spendi.

Semplice! Si ma come? Bene qui entriamo nel vivo! Cosa deve fare il mio sito? Come deve essere costruito, che servizi deve dare!

Bellissimo! Si inizia sul serio! Adesso entriamo nel vivo!

Innanzi tutto decliniamo la domanda “cosa deve fare un sito web di un albergo, Bed & Breakfast, Hotel o struttura ricettiva, che funziona?

 

Le risposte dovranno essere diverse a seconda della situazione, ma sicuramente possiamo dire che il sito web deve:

  • farti ricevere prenotazioni,
  • indurre i visitatori a contattarti al telefono o via eMail
  • far effettuare prenotazioni nel tuo albero hotel Bed & Breakfast o casa vacanze.

 

Curioso quello che è successo a un mio amico che ha costruito il suo sito web con l’intenzione di avere più prenotazioni.

Secondo lui non funzionava a dovere!

Il sito aveva tutte le carte in regola per funzionare ed effettivamente era sviluppato da bravissimi professionisti.

Mi chiese “Ricky, mi dai una mano, ho rifatto il sito web, ma prenotano in pochissimi”…

Io mi sono messo di buona lena ad aiutarlo, iniziando a verificare il traffico al sito, le promozioni che stava facendo e a controllare un sacco di cose…

Tutto invece sembrava funzionare perfettamente.

Indagando ancora, durante una campagna web orientata al mercato svizzero (ci torneremo su questi concetti fondamentali), mi accorsi che era vero!

Il sito non riceveva richieste dirette!

In realtà era costruito in modo tale che induceva i clienti a chiamare direttamente (e infatti era stata una richiesta del mio amico in fase di progettazione).

Indagando sulle chiamate ricevute e sulle prenotazioni telefoniche provenienti dalla svizzera, mi accorsi che erano tantissime, ma che il mio amico non le riconduceva al sito.

 

Come vedi l’importante è che arrivino prenotazioni: via telefono, via web, via mail, con segnali di fumo… ma che arrivino!

 

Altro discorso poi è come misurare il ROI (Return On Investment) delle campagne web… ma qui è necessaria sicuramente una professionalità. Per approfondire questo aspetto ti consiglio questo articolo!

Social Media ROI: cos’è e come si misura

 

 

Bene ma come facciamo a fare in modo che i visitatori del sito web, prenotino le camere del mio albergo?” domanda che immagino avrai proprio sulla punta della lingua! 😉

Bella domanda e anche con questa domanda dobbiamo fare prima delle analisi e poi agire!

Ma se ci pensi bene la risposta alla tua domanda è semplice:

  1. facciamo arrivare molte visite al sito
  2. facciamo in modo che il tasso di conversione sia alto (cioè molte prenotazioni rispetto al numero di visite).

Che ci vuole?!

Ovviamente le due cose sono strettamente correlate, ma analizziamole come elementi indipendenti.

Partiamo dalla parte più complessa!

Alzare il tasso di conversione e quindi avere più prenotazioni nel tuo B&B o hotel.

Per fare in modo che i molti dei nostri visitatori ci chiedano un preventivo, dobbiamo aver prima creato un sito web! Ma di siti web ne esistono molti tipi:

  • sito vetrina
  • blog
  • forum
  • sito commerciale

Vediamo cosa sono questi tipi di siti e cosa fa al caso nostro!

 

SITO WEB VETRINA

Il sito web vetrina rappresenta la propria attività sul web, descrive cosa facciamo, come lo facciamo, ha una struttura semplice e mette in mostra quello che è la nostra azienda.

Moltissimi siti web delle piccole e medie imprese italiane, sono siti web vetrina, questi siti hanno solitamente un’area in cui sono presenti i cataloghi dei prodotti e dei servizi, hanno un’area in cui sono presenti i contatti e i recapiti.

Nel caso degli alberghi descrivono le stanze, i servizi, la colazione offerta… ci sono i listini prezzi, le maggiorazioni da apportare al supplemento singola, e così via.

Ci sarà anche una gallery di immagini e foto relative ai dintorni da visitare. In qualche caso ci sarà un form per la richiesta di prenotazione.

Tutto questo è molto utile, permette alla tua impresa di farsi vedere e forse se hai un sito, è fatto proprio in questo modo.

Se fatto bene, sviluppato in ottica SEO, sviluppato con una buona usabilità, il sito potrà salire in una discreta posizione nei motori di ricerca (difficilmente in prima pagina).

Tutte le vetrine però devono essere viste ed essere in un punto di forte passaggio, ma per quanto bella la tua vetrina non garantisce che qualcuno entri in negozio!

Diciamo che un sito vetrina è una tecnica di marketing di tipo push, sono io che devo spingere per farmi conoscere dai clienti.

BLOG

Significa letteralmente Web – Log ossia diario in rete. Su wikipedia trovi un’esauriente spiegazione (https://it.wikipedia.org/wiki/Blog)

Quindi il blog è la raccolta cronologica di post (o articoli) che raccontano le vicende del diario di un blogger (o più).

Diciamo che il blog è una cosa personale, intima che permette di creare una relazione tra chi scrive e chi legge.

FORUM

Il foro è la piazza degli antichi romani, l’agorà dei greci, il posto in cui si scambiano idee e pareri. Il forum in senso informatico è un sito web nei quali si discute attraverso domande e risposte (che formano un tread) che si scambiano gli iscritti al forum, relativamente agli argomenti di quel forum.

I forum hanno diversi ambiti relativi allo stesso argomento, un forum sulle moto, avrà un’area in cui si parla di motore, una di gomme, un’altra di piste e un’altra di strade dell’appennino.

Spesso per ogni area c’è un moderatore che verifica che gli utenti non esagerino e seguano le linee guida della comunità.

SITO COMMERCIALE

Il sito web commerciale è un sito che oltre a fare da vetrina, permette di interagire, con i clienti, li coinvolge, parla la lingua che loro sanno parlare.

Mi vengono in mente i “buttadentro” che ci sono nei ristoranti in Grecia, che quando passeggi per la plaka, ti accompagnano verso il loro ingresso, mostrandoti le specialità.

Ecco il nostro sito commerciale si comporta un po in questo modo.

Così come i camerieri greci puntano a chi passeggia e guarda dentro i ristoranti, accompagnandoli alla loro locanda, così il tuo sito web dovrà parlare ai “tuoi” affamati.

Ma come fare con il sito web? La cosa è leggermente più complicata ma non troppo. Il concetto di “affamato” è importantissimo, poiché i camerieri non perdono tempo con chi passa a passo veloce o è al telefono, ma guardano le persone, capiscono dai gesti, dal linguaggio del corpo che cercano un ristorante e si fiondano solo su quelli.

Quindi abbiamo introdotto un concetto di customer journey, di touch point, cioè per dirla in modo molto semplice dobbiamo parlare alle persone in modo diverso a seconda dello stadio decisionale a cui si trovano!

 

Facciamo un esempio che ci aiuti a comprendere meglio.

Ammettiamo che la nostra struttura ricettiva offra oltre alla colazione anche un servizio di affitto biciclette, possiamo pensare che vi possano essere clienti che cercano un B&B con un ottimo servizio colazione e alcuni amanti dell’outdoor, che cercano dove affittare biciclette e trovano anche il tuo B&B.

Credo che venga spontaneo pensare che questi due potenziali clienti debbano essere trattati diversamente!

Al primo dovremmo parlare delle camere, della zona colazione, delle comodità, dei cibi locali, al secondo forse dovremmo offrire informazioni sui percorsi bike della zona, dei panorami, del tuo servizio di pranzo al sacco per ciclisti, di biciclette e via dicendo.

 

Ovvio, giusto? L’hai mai fatto sul tuo sito? Sei pronto a farlo, a cambiare la struttura? Ci arriviamo tra pochissimo, ora torniamo per un attimo all’esempio.

Quelli che abbiamo descritto nell’esempio sono due potenziali clienti, il ciclista e il gourmet, che sono atterrati sul tuo sito “quasi per caso”, grazie all’ottimo lavoro SEO svolto dai tuoi consulenti.

 

A proposito di questo se sei interessato a come fare SEO in modo che arrivino i risultati leggi il post 5-regole-per-arrivare-nella-prima-pagina-di-google-seo-per-professionisti/

Questi due potenziali, prenoteranno da te? Domanda a cui è impossibile rispondere, ma sicuramente per provare a farlo, questi due loschi figuri dovranno trovare sul sito tutte le informazioni, in modo semplice e intuitivo.

Qui entriamo in un campo complicato, quindi fermiamoci un secondo e ripensiamo bene all’esempio fatto.

 

Cosa abbiamo stabilito con l’esempio fatto? Abbiamo definito come i siti commerciali devono saper parlare ai potenziali clienti che per definizione sono in stadi e situazioni differenti. Quindi dobbiamo studiarne le esigenze e i comportamenti e poi andremo a creare contenuti del sito web che permettano di attrarre i potenziali clienti, esattamente come fa il “buttadentro” del ristorante greco che vede le coppie passeggiare affamate lungo il viale e ti accompagna all’uscio del suo ristorante.

 

Quindi i siti commerciali contrariamente ai siti vetrina, fanno qualcosa di più, oltre a lasciarsi guardare e ammirare, permettono alle persone di trovare quel qualcosa che cercano, facendo diventare la tua azienda attiva sul web, con le idee chiare, invece di essere passiva e aspettare che qualcuno per fortuna passi davanti al tuo negozio.

 

FAI UN SITO WEB COMODO

Sì hai capito bene: FAI UN SITO COMODO! Questo non è certo uno dei paroloni che usano tutti in giro: Usability, accessibilità, SEO, SEM, Landing Page, Lead, no COMODO!

 

Cosa intendiamo per FARE UN SITO WEB COMODO?

Uso una frase che ho inserito prima: “prenoteranno da te? Domanda a cui è impossibile rispondere, ma sicuramente per provare a farlo, questi due loschi figuri dovranno trovare sul sito tutte le informazioni, in modo semplice e intuitivo.

 

Non sfuggiamo all’argomento, un sito comodo è un sito progettato in modo che le persone per le quali è studiato si trovino immediatamente a loro agio, dove trovare tutte le informazioni pertinenti in modo semplice ed intuitivo.

 

Se stai pensando ai vestiti… se devi lavorare tutto il giorno, cercherai di indossare delle belle scarpe che siano il più possibili comode, anche la Giacca e i pantaloni devono essere della giusta misura, del giusto tessuto e così via.

In un vestito scomodo, ci possiamo stare per poco tempo: al massimo una serata di gala, con tacco 12, ma nella borsetta le ballerine!

 

Il nostro cliente deve avere la stessa impressione di comodità, di una cosa facile da indossare o meglio da navigare, comodo nell’uso, cioè intuitivo e dove le informazioni fluiscono facilmente.

Tutto deve essere molto semplice per l’utente!

 

Questo non vuol dire che il sito web sia brutto e tecnicamente arretrato! Tutt’altro, il sito dovrà usare tecnologie che permettano a tutti gli utenti di trovare le loro informazioni.

Vi esorto anche a creare siti accessibili agli ipovedenti e anche a chi problemi di manualità, vi posso assicurare che è una sfida interessante e soprattutto è un progetto che potrebbe rivelarsi molto remunerativo, oltre che avere l’orgoglio di essere un poco utili ad altri.

Inoltre dobbiamo pensare ormai agli smartphone e ai tablet, quindi dobbiamo creare siti facilmente consultabili da tutti gli strumenti.

Per fare questo consiglio di utilizzare la tecnica mobile first, che aiuta moltissimo nella progettazione del sito.

Ma come si organizza un sito web per fare che sia comodo?

 

Ci sono migliaia di corsi sulla usability, sull’accessibilità e su come dovrebbe essere fatto un sito web, sono tutti utili, ma spesso nessuno di questi ti spiega veramente cosa bisogna fare per fare un sito comodo.

Il motivo è semplice perché ognuno trova la comodità in modo diverso, ma soprattutto perché dipende molto da cosa e da chi, il tuo “buttadentro”, deve portare all’uscio del tuo “ristorante”.

 

Il trucco c’è ma non si vede… ma qual è questo trucco? Il trucco è pensare al tuo sito all’interno di un ecosistema e non in modo autonomo. Se pensi al tuo sito come all’unico negozio che un cliente va a visitare, farai un grande errore, farai un sito internet attento alle più piccole cose, che sia perfetto in ogni particolare secondo la tua visione, ma il cliente entra ed esce alla velocità della luce da ogni sito e per fare in modo che possa rimanere nel nostro, dobbiamo offrire qualcosa per cui lui entri e rimanga.

 

Quindi devi pensare a un sito web per il tuo B&B che abbia molti punti di ingresso, che ogni pagina sia una landing page studiata con l’obiettivo di integrarsi nella navigazione giornaliera dell’utente, che troverà il tuo sito sui motori di ricerca o su un banner a pagamento o su un post su FB o una foto su Istagram.

 

Devi costruire il tuo sito web per il tuo hotel affinché il tuo cliente che sta cercando una stanza per una notte, ti trovi facilmente e comprenda che nel tuo B&B, chi sta una notte sola sta benissimo perché…

Dovrai costruire le informazioni sul tuo sito internet siano coerenti con le pubblicazioni che fai sulla tua pagina FB del tuo B&B, in cui potrai agganciare più facilmente un pubblico giovane e quindi spiegare che dal tuo B&B si raggiunge facilmente quel quartiere noto per il divertimento, soprattutto di notte… etc.

 

Ovviamente come già detto, dovrai avere un’idea precisa dei clienti che vuoi, avrai creato delle personas, dei target geografici, etc. in modo magari da creare una campagna di marketing e comunicazione coerente.

Se hai dubbi su come creare questo tipo di marketing, contattami ora!

 

Ma una volta che il sito web funziona cosa devo fare? Come posso far fruttare le visite al mio sito?

Il vero obiettivo di tutto questo lavoro è far prenotare una stanza nel tuo albergo o almeno farti lasciare qualche informazione su di loro: in particolare dobbiamo essere interessati alla e-mail del potenziale cliente.

 

Certo, la mail! Perché così potrai sviluppare un piano di marketing e un piano di email marketing che portino fatturato al tuo albergo, Bed and Breakfast o qualunque struttura ricettiva.

Ma questo argomento ha bisogno di un approfondimento, che faremo in un post apposito!

 

Ma bene, adesso abbiamo fatto un sito web, non un sito web vetrina ma un sito internet commerciale, che come un “butta dentro”, il tuo sito web punta alle persone giuste, che hai scelto tu, e le accompagna all’uscio del tuo negozio, inoltre abbiamo un sito web comodo, fatto in modo che il cliente ha facilità ad entrare e trovare ciò che cerca, per questo motivo ti lascerà delle tracce come l’eMail, ti chiederà un preventivo e forse prenoterà una camera.

Ma come mi hanno conosciuto i miei clienti? Come posso aumentare il numero di visite al mio sito? Come posso aumentare il fatturato?

Certo tutto questo lo stiamo facendo perché tu a parità di prenotazioni, possa guadagnare di più ed evitare di rimanere impantanati con le omni – presenti OTA.

Altrimenti rimanevamo su booking o expedia!

Strategie per aumentare il numero di visite al tuo sito

Ecco che ci siamo! Adesso abbiamo preparato tutto… abbiamo il sito web, abbiamo un sito comodo, facile, usabile, un sito affidabile e le prenotazioni iniziano ad arrivare.

Ma quando inizi a valutare tutti gli sforzi che hai fatto per costruire il tuo sito web e verifichi i risultati, conti il numero di prenotazioni e misuri le visite con google analytics, diciamolo… rimani un po’ deluso: te ne aspettavi molti di più.

 

Quindi cosa fare? Dove ho sbagliato? Devo tornare su Booking o Expedia?

La verità è che non hai sbagliato e io non ti ho detto cose sbagliate, ma il tempo di indicizzazione dei motori di ricerca, è più lungo di quello che vorresti, e soprattutto non dipende completamente da te, quindi prima di arrivare nelle prime pagine di google con le parole chiave, è necessaria costanza, capacità e intelligenza.
Allora per accelerare un poco, in modo che arrivino molte più richieste, dobbiamo trovare altre strade.

Una di questa è la pubblicità in televisione, alla radio e su web, ma spesso il costo non è sostenibile dal tuo business, il tuo B&B o il tuo hotel produce certo denaro, ma non hai la forza e i budget di una catena di alberghi, altrimenti forse non leggevi il mio post.

Cosa possiamo fare? Come posso aumentare le visite al mio sito?

In questo senso ci vengono in soccorso i social network: facebook, twitter, google plus, etc. Pensiamo prima a Facebook che ha moltissimi utenti, tu avrai molti amici… loro ovviamente ti conoscono… ma i loro amici? Magari non ti conoscono e non sanno che hai un sito web.

Allora creiamo una bella pagina su Facebook in cui iniziare a fare post intelligenti e interessanti, creando interesse verso il tuo albergo o B&B. Creando una strategia di pubblicazione e una linea editoriale interessante, si possono creare le condizioni per avere un aumento delle visite al sito, per farlo ci vuole anche in questo caso applicazione e dedizione e una certa dose di competenza.

Inoltre possiamo fare qualche campagna a pochi euro, e se fatta in modo professionale arrivare a risultati inaspettati.

Ovviamente creare una strategia di pubblicazione e una linea editoriale, non è cosa facile, ma ci sono nel web molte imprese che offrono questi servizi… Isola che non c’è è perfetta per questo

Al di la’ di chi ti può aiutare, potrebbe assolutamente non essere necessario nel tuo caso, è importante capire che se usati bene i social sono tuoi alleati.

Ovviamente nell’ambito dell’ospitalità, c’è anche il rovescio della medaglia, e cioè esporsi a critiche e a reclami online, ma anche in questo caso, con una adeguata capacità, si può trasformare tale rischio in una grandissima opportunità.

Lo stesso approccio si può usare con Twitter, Google plus e qualunque altro social ovviamente con un comportamento, una strategia e una linea editoriale che si adatti al tipo di piattaforma che si usa.

I social sono un’ottima occasione per creare rapporti con i propri clienti, creando i primi elementi di CRM. Cosa è il CRM? Lo scopriremo…

Un degna conclusione di così tanto lavoro!

Come abbiamo visto creare un sito web per hotel o Bed and Breakfast, non è poi impossibile…

Contattami ORA! per avere un sito web che funzioni veramente.

Articoli correlati

riccardo-grassi-web-marketing-turistico-seo-primi-su google

5 regole per essere primi su google: SEO per professionisti

Essere primi su google o bing è fondamentale per il tuo business, ecco i trucchi SEO per professionisti e quali sono le 5 regole da seguire!   Dopo un periodo di silenzio nell’area web e marketing, torno a parlare di siti web, in particolare dei siti web che funzionano, talmente bene che ti faranno arrivare primi su […]

Learn More

Ma io faccio qualcosa per il turismo ligure?

A volte mi scopro a criticare molto chi governa il turismo ligure e genovese… e devo dire che anche l’ultimo convegno a cui sono stato:  “Genova accoglie la ricchezza che viene dal mare: come incrementare e valorizzare l’attrattività della città e i flussi turistici” a palazzo Tursi, è stato dal mio punto di vista estremamente deludente […]

Learn More

Turismo in Liguria e Ospitalità, quale futuro? Servizi a valore!

“Turismo in Liguria e non hai ancora visto niente!” Troppo facile iniziare un post così ricordando le scene comiche della “famosa torta di riso…Finita”! Diciamo che in Liguria, qualche passo avanti sull’ospitalità dobbiamo ancora farlo… Ma il problema è solo Ligure? decisamente no! Leggo spesso delle difficoltà che incontrano gli alberghi in Italia, sento di […]

Learn More

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *