Genova, elezioni comunali 2017: una campagna elettorale vecchio stile! - Riccardo Grassi

Genova, elezioni comunali 2017: una campagna elettorale vecchio stile!

Genova, Elezioni comunali 2017 Una campagna elettorale vecchio stile… un po’ vista, poco interessante, almeno sul web.

Nell’epoca in cui Trump usa twitter per essere eletto, Obama fece del web e dei social uno strumento fondamentale, nell’epoca in cui Macron accusa Putin di aver influenzato la campagna elettorale francese attraverso il web… a Genova si portano i santini!
Quello che emerge di questa campagna elettorale è che i tre principali candidati (Bucci, Crivello e Pirondini) non usano il web e i social network in modo strategico, certo hanno tutti una pagina web, un profilo twitter e Facebook, ma non sono assolutamente centrali.

Questa campagna ha un sapore demodé: Crivello che si sente in vantaggio non fa i confronti, Bucci appella Crivello con il nome di Doria come se fosse un’onta e Pirondini che “ne di qua ne di la” basta poteri forti… io so er mejo!

Devo dire che me lo sarei aspettato da Crivello, che appartiene a un mondo lontano forse da quello dei social, ma non da Bucci, che ha un cv nell’innovazione e da Pirondini dato che il m5s faceva della rete la grande rivoluzione sociale..

Questo non è assolutamente un giudizio è un’osservazione da persona che lavora nella comunicazione da anni… Mi domando solo, come mai? riflette qualche cosa?

 

 

Articoli correlati

Costituzione Italiana – Titolo III – Art. 46.

Costituzione Italiana Parte I Diritti e doveri dei cittadini Titolo III Rapporti economici Art. 46. Ai fini della elevazione economica e sociale del lavoro e in armonia con le esigenze della produzione, la Repubblica riconosce il diritto dei lavoratori a collaborare, nei modi e nei limiti stabiliti dalle leggi, alla gestione delle aziende.

Learn More

Un uomo con le spalle larghe | Francesco De Gregori

Un uomo con le spalle larghe, ecco cosa ci vorrebbe per te, che ti capisca senza farlo capire e non ti spieghi mai perchè, che ti conosca da quand’eri piccola, o che da piccola ti immaginava già. Un uomo con le spalle larghe, lo sa bene lui come si fa. lo sa bene lui come […]

Learn More

Dopo il liceo che potevo far | Edoardo Bennato

Dopo il liceo che potevo far Dopo il liceo che potevo far non c’era che l’Università ma poi il seguito è una vergogna son fuori corso qui in facoltà e me lo voglio dimenticar e bevo bevo come una spugna Son sempre ubriaco son sempre fatto e arrivo a sera che son distrutto così a […]

Learn More

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *